Facciamo comunità, dal monologo al dialogo tra culture

“FACCIAMO COMUNITA’,

DAL MONOLOGO AL DIALOGO TRA CULTURE”

Esattamente come gli esseri umani, le diverse culture non esistono se non in relazione le une alle altre. Per superare il confine della differenza, la sfida si gioca nella promozione del dialogo
interculturale, azione che afferma come necessaria e possibile la reciprocità delle interazioni, il
sostegno e il rafforzamento dell’autonomia di ciascuno.
L’intesa fra culture diverse dipende in gran parte dalle competenze interculturali, ambito nel quale pone l’attenzione il nostro progetto. Tale percorso mette infatti in comunicazione diversi soggetti della realtà, coinvolgendo sia gli operatori del progetto sia tutti gli interessati del territorio che aderiscono alla proposta.
Il progetto Facciamo comunità nasce dalla convinzione che oltre alla conoscenza degli altri,
abbiamo bisogno di sviluppare le capacità di ascolto, di umiltà e di ospitalità per poter andare oltre il monologo individuale, affermando il confronto nel dialogo. Le iniziative del progetto mirano a favorire il dialogo, l’empatia tra i giovani appartenenti a culture differenti e ad incentivare la partecipazione degli enti locali di accoglienza per mezzo di manifestazioni culturali, artistiche e sportive. Tutto ciò risulta indispensabile per valorizzare la ricchezza stillante dalle relazioni interculturali, smantellando le barriere precostituite grazie a momenti di incontro e divertimento.

Scarica qui la locandina! 

jpjjjjfacciamo-comunitajpjjfacciamo-comunita

ATTACCO DI PANICO, ANSIA E PAURA – settima serata del ciclo “VITA NUOVA” per una NUOVA VITA con ANNA DEGANO – Mercoledì 21 marzo 2018

ATTACCO DI PANICO, ANSIA E PAURA

Settima serata del ciclo “VITA NUOVA” per una NUOVA VITA con ANNA DEGANO 

Angoscia, ansia e paura arrivano tanto all’improvviso, inaspettati, quanto devastanti, impossessandosi della nostra vita, che lentamente viene stravolta, esigendo un cambiamento. Capirne il senso è il primo passo per rinascere a vita nuova, per trovare l’equilibrio perduto e riprendere in mano le redini della propria esistenza.

L’incontro lo terrà la Dott.ssa Anna Degano, Psicologa Psicoterapeuta, Presidente Aspic fvg; avrà luogo dalle ore 20.30 alle ore 22.30, presso la sede Aspic di Udine, in via Giuseppe Tullio, 13.

Prenotazioni e costi: segreteria Aspic fvg dal lunedì al venerdì, dalle 09.00 alle 13.00

Tel. 0432 547168, e-mail info@aspicfvg.itwww.aspicfvg.it

 

Scarica qui il programma completo delle serate!

Nasce in Aspic lo Sportello di Ascolto per Migranti

SPORTELLO DI ASCOLTO PER MIGRANTI

L’esperienza migratoria è una di quelle circostanze fondamentali della vita che implica una grande
capacità di riorganizzazione in tempi brevi della propria realtà personale, con un impiego di
energia e impegno non certo semplice. In base alle caratteristiche del soggetto e al tipo di
esperienza migratoria, l’identità del migrante può venire seriamente colpita dai fatti traumatici,
per cui il processo di riorganizzazione avrà difficilmente luogo; dove invece opera una consapevole
riorganizzazione identitaria, è possibile un processo di rinnovamento del proprio vissuto.
Un’identità solida (i cui elementi fondamentali sono il passato e la memoria) può fronteggiare le
immancabili perdite dell’esperienza migratoria e favorire la stabilizzazione nel nuovo paese,
purché questa esperienza non esponga il migrante, nel lungo processo di riorganizzazione, al
rischio di un “cambiamento catastrofico”, possibilità che nasce dall’esperienza del dolore, della
frustrazione e dalla mancanza di contatto con il nuovo ambiente.
Si ritiene utile, pertanto, come azione concreta di prevenzione del disagio, l’attivazione di uno
sportello di ascolto per migranti, che possa fungere da sostegno nella gestione delle difficoltà del
progetto migratorio, nell’inserimento e nelle situazioni più a rischio.
Lo sportello è attivato nell’ambito del progetto “Facciamo comunità. Dal monologo al dialogo tra
culture”, realizzato con finanziamento della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia.

Lo sportello d’ascolto viene effettuato presso la sede dell’Associazione capofila del progetto, ASPIC
FVG, Via G. Tullio, 13 – Udine

Il personale è composto da psicologi, psicoterapeuti e counsellor.

Lo sportello è attivo tutti i sabati, dalle ore 09.00 alle ore 13.00 a partire dal mese di Febbraio.

Oltre a rappresentare un punto di riferimento per la persona migrante, l’attivazione di uno
sportello di supporto psicologico mira ad avviare una riflessione utile per un successivo intervento
nel nostro territorio, in tema di prevenzione e cura del disagio psicologico portato dal migrante.

 

Nasce in ASPIC fvg l’Area Lavoro!

ASPIC fvg propone una serie di servizi rivolti ad imprenditori, artigiani, dirigenti e professionisti.
Psicologi del lavoro e counselor forniscono consulenza per il miglioramento del benessere psicologico e lavorativo, offrono supporto sia a livello di crescita personale e professionale, che in merito al clima organizzativo ed al lavoro di gruppo.

Grazie ad un sistema integrato di supporto alle decisioni, i professionisti di ASPIC fvg accompagnano imprenditori, dirigenti e quadri nelle delicate fasi di superamento dei momenti di crisi.

Crisis management, implementazione delle capacità innovative, sviluppo delle competenze, counseling alla leadership, sviluppo del benessere organizzativo sono solo alcuni dei temi su cui ASPIC fvg offre i propri servizi mirati, grazie anche ad uno spazio di ascolto dedicato alle problematiche lavorative.
Scarica qui la brochure dedicata!

 

L’ASPIC fvg partecipa a “SONO SOLO INEZIE?” – Rassegna contro la violenza di genere

Siamo lieti di comunicarvi la prossima iniziativa a cui ASPIC fvg parteciperà con il Comune di Prato Carnico e con l’Associazione Culturale Makacos – realizzata con il contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia – Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili, ricerca e università.

Si tratta di una rassegna contro la violenza di genere dal titolo “Sono solo inezie?”, in occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne.

Il calendario prevede varie attività:

Sabato 25 novembre alle ore 15:00 presso il salone storico della Casa del Popolo di Prato Carnico si svolgerà la presentazione pubblica delle attività, a seguire laboratori di pratica filosofica sul tema rivolti a bambini e adulti, con brindisi conclusivo.

Sabato 2 dicembre, nel medesimo spazio, alle ore 16:00 prenderà il via un workshop rivolto alla cittadinanza guidato dai due psicoterapeuti dell’ASPIC fvg Dott.ssa Giusy Guarino e Dott. Patrick Moretti, intitolato “Maschi contro femmine”, per affrontare attivamente il tema degli stereotipi di genere; a seguire, alle ore 18:00, la proiezione del documentario “Vogliamo anche le rose” di Alina Marazzi;

Domenica 3 dicembre sera, alle ore 20:30, presso l’Auditorium comunale, si terrà lo spettacolo teatrale “Wunderkammer” della compagnia Wundertruppe.

La rassegna nasce dalla volontà di creare dibattito e riflessione intorno al tema della violenza di genere, lavorando in chiave positiva alla valorizzazione delle differenze e alla promozione dell’universalità nell’esercizio dei diritti, del rispetto dell’identità, dell’equità nella distribuzione di risorse, poteri e responsabilità.

L’obiettivo è sensibilizzare uomini e donne di ogni età su questi aspetti e aprire una riflessione che possa mutuarsi in piena consapevolezza e attiva solidarietà.
Le attività si concentrano in particolare sull’educazione al riconoscimento degli stereotipi, delle vessazioni e delle angherie quotidiane vissute dalle donne di ogni età, accettati e sopportati in silenzio (individuale e collettivo), che possono sfociare nel tempo in violenza vera e propria.

 

Scarica qui il programma della rassegna

 

Intervento della Dott.ssa Anna Degano al Convegno “Per riuscire a vincere bisogna anche saper perdere” in Camera di Commercio – Giovedì 23 Novembre 2017

7

 

“FALLIRE NON È MORIRE-DALLA DELUSIONE AL GODERE DI SÈ” è il titolo dell’intervento che farà la Dott.ssa Anna Degano giovedì 23 novembre, in occasione del Convegno “Per riuscire a vincere bisogna anche saper perdere”.
Organizzato dalla Camera di Commercio Udine, l’evento rifletterà su come reagire a una crisi, concentrandosi sugli aspetti costruttivi di un errore o di un fallimento lavorativo e trasformare una difficoltà in un’opportunità per reinventarsi e ricostruirsi con successo.

Il Convegno avrà luogo a partire dalle ore 17.00, presso la Camera di Commercio di Udine, in Piazza Venerio (Sala Valduga, primo piano).

 

Scarica qui il programma!

 

ASPIC SI PRESENTA SU TELEFRIULI

Aspic Friuli Venezia Giulia è stata presentata a Telefriuli! La Dott.ssa Anna Degano, la Dott.ssa Debora Macoratti e la Dott.ssa Marzia Micottis, sono intervenute giovedì 16 novembre, alla trasmissione “Family”. Si è parlato di bullismo, di dipendenza affettiva, di yoga della risata.. Guarda il video per saperne di più!

Intervista della Dott.ssa Degano al Tg Udinews del giorno 1 novembre 2017

La Dott.ssa Psicologa Psicoterapeuta Anna Degano, Presidente Aspic Friuli Venezia Giulia è intervenuta in qualità di referente dell’Ordine degli Psicologi alla Conferenza sul Centro per Famiglia di Via Zilli a Udine! “Un centro per per rispondere ai bisogni primari del benessere psicologico delle persone” spiega la Dott.ssa Anna Degano nell’ottimo servizio della Giornalista Monica Nardini al Tg di Udinews del giorno 1 novembre!

L’Aspic Fvg insieme all’Azienda Sanitaria di Trieste al Convegno “Mentale Heath gap: linee guida internazionali sui disturbi psichiatrici comuni dell’Oms . Presentazione di esperienze di medicina collaborativa”

L’Aspic Fvg insieme all’Azienda Sanitaria di Trieste giovedì 06 luglio 2017 al Convegno “Mentale Heath gap: linee guida internazionali sui disturbi psichiatrici comuni dell’Oms . Presentazione di esperienze di medicina collaborativa” presenta i risultati preliminari del progetto ” Consulenza psicologica in medicina di gruppo: uno studio di fattibilità”. Una sperimentazione che vede medici di medicina generale e psicologi occuparsi insieme di disturbi mentali comuni direttamente negli ambulatori dei medici di base.