sonosoloineziejpeg4

L’ASPIC fvg partecipa a “SONO SOLO INEZIE?” – Rassegna contro la violenza di genere

Siamo lieti di comunicarvi la prossima iniziativa a cui ASPIC fvg parteciperà con il Comune di Prato Carnico e con l’Associazione Culturale Makacos – realizzata con il contributo della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia – Direzione centrale lavoro, formazione, istruzione, pari opportunità, politiche giovanili, ricerca e università.

Si tratta di una rassegna contro la violenza di genere dal titolo “Sono solo inezie?”, in occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne.

Il calendario prevede varie attività:

Sabato 25 novembre alle ore 15:00 presso il salone storico della Casa del Popolo di Prato Carnico si svolgerà la presentazione pubblica delle attività, a seguire laboratori di pratica filosofica sul tema rivolti a bambini e adulti, con brindisi conclusivo.

Sabato 2 dicembre, nel medesimo spazio, alle ore 16:00 prenderà il via un workshop rivolto alla cittadinanza guidato dai due psicoterapeuti dell’ASPIC fvg Dott.ssa Giusy Guarino e Dott. Patrick Moretti, intitolato “Maschi contro femmine”, per affrontare attivamente il tema degli stereotipi di genere; a seguire, alle ore 18:00, la proiezione del documentario “Vogliamo anche le rose” di Alina Marazzi;

Domenica 3 dicembre sera, alle ore 20:30, presso l’Auditorium comunale, si terrà lo spettacolo teatrale “Wunderkammer” della compagnia Wundertruppe.

La rassegna nasce dalla volontà di creare dibattito e riflessione intorno al tema della violenza di genere, lavorando in chiave positiva alla valorizzazione delle differenze e alla promozione dell’universalità nell’esercizio dei diritti, del rispetto dell’identità, dell’equità nella distribuzione di risorse, poteri e responsabilità.

L’obiettivo è sensibilizzare uomini e donne di ogni età su questi aspetti e aprire una riflessione che possa mutuarsi in piena consapevolezza e attiva solidarietà.
Le attività si concentrano in particolare sull’educazione al riconoscimento degli stereotipi, delle vessazioni e delle angherie quotidiane vissute dalle donne di ogni età, accettati e sopportati in silenzio (individuale e collettivo), che possono sfociare nel tempo in violenza vera e propria.

 

Scarica qui il programma della rassegna